Washington’s “Failure” in Syria Is Not About Strategy. Washington and Ankara Have Consistently Supported Al Qaeda, ISIS

Original link: http://www.strategic-culture.org/news/2016/09/11/washington-failure-syria-not-about-strategy.html

 

So much has been said about the Syrian conflict in numerous analyses, yet one of the least discussed topics concerns the strategy and the relationship of cooperation and conflict between the United States, Turkey, the Kurds and Daesh.

From the beginning of the Syrian conflict, Washington and Ankara have never hesitated to exploit Daesh’s advances. The occupation of Syrian towns near the Turkish border by Islamic extremists has been one of the preferred tactics endorsed by the United States and Turkey. Closing one eye, often both, concerning Daesh’s operations meant attacking the Syrian state indirectly and threatening its integrity whilst simultaneously allowing the creation of safe havens where terrorist groups could receive weapons and material support to spread their attacks on the legitimate government of Damascus over the rest of the country.

In the specific case of Turkey, there were also other assessments. ISIS / ISIL was supported vigorously by Ankara in the process of sweeping Kurdish territories, wreaking death and destruction on the community. Given the historical conflict between Turkey and the Kurds, it is easy to assume that advances by ISIS/ISIL meant a victory for Erdogan and a successful degradation of the Kurdish community in the Middle East.

Subtly and somewhat complacently, the United States reacted to this behavior of Ankara in two ways. It primarily imposed a media blackout on trade deals between Turkey and Daesh and it especially never attacked ISIS in Syria with the so-called international coalition.

What has altered the chessboard is the Russian military intervention in September of 2015. Moscow has been able to smash the wall of silence and collusion present in Syria involving terrorist organizations such as Daesh, Al Nusra Front, Jaysh al-Islam, Ansar al-Islam and countries like the United States, Jordan, Saudi Arabia, Qatar and Turkey. In addition to military action, the Russian Federation has been able to apply strong diplomatic pressure on Western countries and, through the RT news channel, has repeatedly exposed the support of terrorism at any cost by the opponents of the legitimate government in Damascus.

Since September 2015 the war of aggression against Syria has been hit hard by Moscow’s triad of military, diplomatic and media action. The Syrian Arab Army (SAA) quickly recaptured many territories previously lost. The liberation of Palmyra, and the road already opened to Deir ez-Zor, the vast areas around the Russian military base in the province of Latakia cleared, the recent victory at Darayya and Aleppo – these finally showed a clear military solution to the crisis in Syria.

The consequences of the strategic re-conquests made by the SAA, combined with the inability of Washington to more explicitly intervene directly in the conflict with men and materiel, forced the US to change its initial tactics. Hidden support (deliberately never mentioned by TV and newspapers) of terrorist groups continues unabated, the same of which can be said for Washington’s allies in the region. But what has changed is the media narrative of the conflict.

The terrorist attacks in recent months in Europe and the United States have arrested the attention of the public; and with a careful direction, especially in the US, thanks to the presidential election, people have been led to believe that a military intervention in Syria and Iraq was necessary to deal with a threat to national security. The inability to intervene directly with boots on the ground pushed Washington to arm and support directly (with the Air Force and with special forces) the Kurds as a force to opposing ISIS / ISIL on the ground.

For their part, not having other options to regain territories previously lost, the Kurds agreed to be the chosen on-the-ground force supported by the international coalition. They preferred to ignore the original sin of Washington (complicity with Daesh) to seize the unique opportunity available to them. It was a choice that in the short term ensured the desired results, with the recapture of several areas and an expansion and enlargement of their territory by over 50%. For some weeks, the Kurds even dreamed of the reunification of areas under their control in Syria and Iraq while Washington was enjoying the (self-proclaimed) media plaudits for combating Daesh, all the while preventing the Syrian Arab Army from regaining territory from ISIS.

From Moscow’s point of view, this change of approach to Syria by the Obama administration is a direct result of Russia’s military, diplomatic and media intervention, and the subsequent reconquests made by the SAA and its allies. It is a limited success, but still a victory against an enemy of Damascus (Daesh). It is a complicated affair, as the conflict in Syria stands out at times, wherein a partial victory is always preferable to the possibility of a defeat.

The second phase of the Russian plan, much more ambitious and difficult to achieve, is a military cooperation with Washington and its allies against terrorist organizations in Syria. The continued refusal of this proposal has once again exposed the real intentions of the United States and regional partners, namely the removing of Assad and the partitioning Syria’s territory.

The massive support given to the Kurds by the Americans created the ideal environment for Ankara to justify an intervention in Syria. The threat of a unification of Kurdish territory on Turkey’s border was a red line the crossing of which Erdogan could not countenance. What we understand is that the use of the Kurds against Daesh by Washington was a temporary move to last some months, probably agreed to with Ankara, designed for domestic consumption to appease public concern over Daesh. With these enabling conditions, Ankara did not hesitate to use them to its advantage. By entering Syrian territory and conquering Jarabulus, Ankara has prevented the reunification of Kurdish territories, has pleased its American ally by providing a structured land force (although very limited for now), and is now trying to clean up its own media image thanks to its portrayal of fighting Daesh. Analysing the battlefield in recent weeks, ISIL/ISIS has often abandoned its territories near the Turkish border without even engaging with the Turkish Army. This behavior is consistent with the thesis that Daesh functions as the West’s cat’s paw for regime change in Syria.

The final American attempt to use the Kurdish card to achieve their strategic objectives against Damascus was the failed attempt to incite the Syrian Kurds against regular police forces in Aleppo. Unfortunately for US policy-makers, the attempt did not last long, thanks to Russian mediation that put an end to the fighting.

The situation continues to evolve in favor of Damascus in recent weeks. Aleppo is now surrounded and sealed off, signalling game over for the terrorist gangs in northern Syria. Washington, running out of options, promptly dumped its momentary Kurdish ally in favor of full military cooperation with Ankara. Erdogan, for his part, had meanwhile consolidated power thanks to the purge following the failed military coup, and juggled his options so that he could easily play the direct-military-intervention card in Syria with the advantage of multiple excuses.

Erdogan even reiterated a few days ago at the G20 held in China that he would be willing to help and collaborate with Washington to regain the city of Raqqa, an ISIS stronghold in Syria. The substance of this change does not alter the balance of the war but exacerbates the conflict and places it on a new level. All armed groups in Syria over the years have shown that they cannot prevail in the military confrontation with Damascus and its allies. The United States, supporting the Kurds, has forced Turkey to become the much-needed force in the battlefield, essential in occupying territories currently held by Daesh, and preventing Damascus from further conquering and unifying Syrian territory.

This is Washington’s Plan B in the making, an old idea of the dismemberment of Syria theorized by many Western think-tanks like the Brookings Institute and RAND Corporation. The chances of the plan being realizing remains unknown. Plan A failed miserably: Assad is still in power, and it is only a matter of time before the SAA and its allies finish liberating the rest of the country.

It remains to be seen how Daesh will react to the threat of losing their so-called capital, Raqqa, in favour of the same forces (Turkey and United States) that created and helped them rise from nothing. If ISIS/ISIL should decide to fight and not abandon the city, it would be a first for the international coalition and the Turkish army, finding themselves embroiled in the Syrian quagmire like never before. How would the people of Turkey and America react to their soldiers and special forces being killed, imprisoned or tortured? Would Erdogan and Obama still be able to justify the operation to the broader public?

The silence and proportional protests coming from Moscow in light of the Turkish incursion in Syria confirms these suspicions: territories reconquered from Ankara are not strategic; the Turkish force is numerically limited (hence the objectives), and the ‘race’ to Raqqa would probably cause more damage than gain for Erdogan and Obama. Moreover, the Arab Syrian Army has other strategic priorities to address and does not want to make the necessary countermeasures to arrive first at Raqqa.

Obama and Erdogan’s bluff is all summed up in the last lines. Erdogan and Obama, in the efforts to free Raqqa and penetrate further into Syrian territory, hope to oblige Syrian forces to alleviate pressure on terrorist groups elsewhere in the country, especially in Aleppo, diverting troops towards the city of Raqqa. What we have been seeing in recent days are empty statements of small conquests by Turkish troops in Syrian territory, aimed at pushing Damascus to fall into the trap prepared by Washington and Ankara.

The clock is ticking, and it is all in the favour of Moscow, Damascus and Tehran, who observe the situation with relative calm. Their planned strategy is providing most of the desired results, and now America and its allies have only the ability to react to events on the ground, not to determine or create them. Compared to a few years ago, this is a resounding change. If Erdogan and Obama still will want to start doing the dirty work in Raqqa against the same terrorist group they instigated against Damascus, then they are free to do so.

All options available for Washington and its partners-in-terror will have negative effects on the fateful goal to undermine Syria. Raqqa is a Syrian city, inhabited by Syrians, and even if Ankara liberated it, it is never going to be incorporated into an imaginary Turkish territory.

Strategic contortions, moral contradictions, media deception, and the recent military defeats of terrorist groups have transformed Syria into a recipe for disaster for Washington, Ankara, Doha and Riyadh, from which there is no way out or path to victory.

tgttgt

La mossa della disperazione rivela i fallimenti di Washington

Brzezinski e Kissinger invocano il dialogo di Washington con la Repubblica Popolare Cinese e con la Federazione Russa.

Gli sprovveduti o gli ingenui forse si immaginano che questi due signori abbiano avuto un ravvedimento finale nella loro vita e che siano finalmente diventate delle persone di buon senso. Ho letto anche questo negli ultimi mesi.

Molto più realisticamente, le elite statunitensi (Rockefeller, Buffet, Soros, Rothschild) hanno capito con i fatti che la strategia dei neo-conservatori e dei liberal è destinata a fallire, se non è già completamente fallita.

Osservate le guerre mosse direttamente o indirettamente (primavera araba, rivoluzioni colorate, etc) dagli Stati Uniti negli ultimi 25 anni.

Risultato ?

  • L’Iraq nuovamente nell’asse della resistenza con Damasco.
  • La Libia divisa in tre parti, potenzialmente corteggiabile dal campo eurasiatico.
  • L’Egitto dopo il fallimento del golpe di Morsi e l’insediamento di Al Sisi è più vicina che mai con Mosca.
  • La Siria di Assad continua a lottare ed è diventata il centro globale della resistenza anti imperialista americana.
  • L’Iran ha sancito l’accordo sul nucleare e acquisisce sempre più influenza in medio oriente.
  • L’Arabia Saudita è danneggiata irreparabilmente dal crollo del petrolio orchestrato dai geni di Washington/WallStreet/Londra che avrebbe dovuto mandare in bancarotta la Federazione Russa.
  • Il Qatar vede sfumare per sempre la sua pipeline per il LNG verso l’Europa.
  • Israele necessita di un sostegno militare finanziario senza precedenti, dipendendo (erodendo risorse) sempre di più da Washington.
  • La Russia è nuovamente tornata ad essere un protagonista di primo piano in M.O con cui tutte le nazioni della regione dovranno fare i conti (Base Aerea permanente in Siria, uso di quella in Iran).
  • In generale l’influenza degli Stati Uniti è stata completamente ridimensionata in una zona del mondo (Medio oriente, nord africa e golfo perisco) che ha, da sempre, un valore strategico indiscutibile per Washington. (Petrodollaro)
  • La Turchia, alleata storica degli Stati Uniti nella regione ha dovuto inventarsi peripezie di ogni genere (golpe, invasione Nord-Est Siria) per riuscire a rimanere influente in Siria e poter ancor dire la sua. Erdogan è alla frutta, consumato come tutti gli alleati di ferro di Washington.

E questo è SOLO il Medio oriente-Nord Africa-Golfo Persico. Ci sarebbe da elencare tutte le mosse contro produttive in Asia, nel Sud Est Asiatico, in Europa e in Sud America.

Alcuni punti chiave:

  • E’ Nata la AIIB Cinese che unisce economicamente le economie di molti paesi in sviluppo e potenze già affermate.
  • I BRICS e Banca di Sviluppo dei BRICS sono un’ulteriore conferma di una realtà sempre meno Washington-Centrica.
  • La SCO in Asia-Eurasia si arricchisce di membri come Pakistan e India creando una situazione senza precedenti nel lungo termine.
  • L’Ucraina è congelata in una situazione a totale svantaggio di Kiev e degli Europei.
  • Russia e Cina hanno firmato accordi e raggiunto un riallineamento strategico che mancava da decenni che pone Washington in una netta situazione di svantaggio sullo scacchiere globale.
  • L’Europa è sempre più danneggiata a 360 gradi dalle politiche di Washington e da decisioni autolesioniste dei politici di Bruxelles.

E’ abbastanza ovvio che dopo 25 anni di politiche del genere le elite americane abbiano capito che è necessaria un’inversione di rotta. Il piano unipolare di World Dominance (Dominazione Mondiale) è fallito terribilmente erodendo anche quelle certezze granitiche sul ruolo degli Stati Uniti nel mondo. Solo la retorica occidentale dei media e una classe politica/imprenditoriale europea completamente asservita riescono a tenere in piedi un’orchestra che ormai ha esaurito gli spartiti da suonare.

Rimandare in campo due vecchi arnesi come Kissinger e Brzezinski nella speranza (altrettanto ridicola) di ricreare una situazione globale favorevole agli Stati Uniti come durante la Guerra Fredda pare proprio la mossa della disperazione, un segno inequivocabile di debolezza.

Pensateci. Vi sembra una strategia vincente ? Vi sembra che Russia e Cina, Putin e Xi siano così stupidi da cascarci e accogliere a braccia aperte due personaggi che tanti danni hanno creato a Mosca e Pechino negli anni della guerra Fredda ?

Dopo tutti questi fallimenti e la farsesca contro-tattica per risollevare le sorti di Washington nel mondo, avete l’impressione che il trend sia positivo per gli Stati Uniti ?

Cosa resta quindi a cui appigliarsi ? Forse una Clinton che decide di nuclearizzare il mondo mandando in fumo tutto lo scacchiere globale (che comunque consente alle elite americane di vivere in completa ricchezza e sicurezza) in frantumi ? Siamo seri.

Invece di spaccare l’atomo ponderando ogni singolo evento in Siria quale decisivo della dominazione americana nel mondo, osservate l’immagine nel suo insieme: gli Stati Uniti sono alla frutta e Brzezinski o Kissinger non potranno cambiare un granché.

Turkey and Russia: Divided Present, Uncertain Future

Turkey and Russia: Divided Present, Uncertain Future

Turkey and Russia: Divided Present, Uncertain Future

Source: http://www.strategic-culture.org/news/2016/08/12/turkey-russia-divided-present-uncertain-future.html

Putin and Erdogan met in the early afternoon of August 9, 2016 in Saint Petersburg to discuss a variety of topics that have been waiting for months to be addressed. The discussion focused on the security and cooperation vital for the future of both nations. Many experts perceive this meeting to be the first step of an impending strategic realignment between Ankara and Moscow.

As seen over recent events in northern Syria, Turkey is more than ever an active and vital component of the massive operations launched by terrorists to regain parts of Aleppo and break the isolation imposed by the Syrian Arab Army. A highly ambiguous factor in interpreting Erdogan’s purported change of mind on Syria surfaced a few hours after the coup ended in failure. More than one news agency very close to the Iranian National Guard (IRGC) recognized the withdrawal of several Turkish military instructors from Aleppo as a signal from Erdogan to Damascus and Moscow. Some even suggested it was the beginning of a strategic shift in Ankara’s foreign policy following the failed coup. Only in the coming days will the situation more fully reveal itself. The instructors were evacuated as the Syrian Arab Army approached Aleppo in preparation to launch a powerful assault. Ankara simply removed their assets in order to avoid having to explain their presence.

But the reality is that Russia and Turkey are on two differing and opposing trajectories. Moscow and Ankara will not begin to have common ground for cooperation before, in particular, northern Syria is completely isolated from the flows of weapons and men that stream across Turkey’s border.

All these frictions, however, do not prevent an attempt to find a strategic agreement between Turkey, Russia, and even Iran, in the medium to long term. In this sense a lot can be understood from Erdogan’s words in his recent interview given to Russian news agency TASS.

First he reiterated that «Iran could be involved in negotiations on the outcome of the conflict in Syria». Then, continuing on a strictly economic level, he said that «Russia and Turkey must finish the nuclear power plant (output 4,5GW) construction in Turkey». Another aspect, very controversial given its strategic importance to the European Union, relates to pipelines: «Russia and Turkey need to accelerate the construction of the Turkish stream».

Geographic proximity oblige Moscow and Ankara to have dialogue. Equally obvious in the short term will be the enormous difficulties that Erdogan and Putin will have concerning Syria. The reality is that their strategic interests diverge on a significant amount of points, especially, but not limited to, Syria. The stunning words declared by Erdogan in his TASS News Agency interview serve to highlight this, from the most typical – «Assad must go, there is no other solution to the Syrian conflict without his departure» – to the astonishing – «Al-Nusra Front should not be regarded as a terrorist group».

The only common ground – one that should not be underestimated – is the need for all regional actors (Turkey, Russia, Iran) to hold together the Syrian Arab Republic in order to avoid a flare up of the Kurdish issue. It should be kept in mind that this interest has been systematically undermined by the ambitions of such countries as Turkey, Qatar, Saudi Arabia and the United States in seeking to overthrow the legitimate government of Bashar al-Assad.

We must keep in mind that it is more than normal for the heads of state of Turkey and Russia to meet, especially at this particular historical juncture. Too often we confuse geopolitical ambitions with economic needs and requirements. In this sense, the relationship between two nations such as Russia and Turkey serves to highlight this. The growing need for Ankara to influence events in Syria has prompted Erdogan to an intense strategic alignment with Saudi, Qatari, Israeli and American interests in recent years. What is interesting to note is the red line that the shooting down of the Su-24 represented for Moscow, as it was not until that moment that Putin decided to act on an economic level against Turkey, applying sanctions and restrictions on trade. Naturally this had limited impact on the Russian economy, but Turkey suffered heavily economically. Putin decided to deal with Erdogan sharply on an economic level in order to maximize pressure following the downing of the military aircraft. Putin and Erdogan meet to restore economic cooperation, which for several reasons is the right move for both. Erdogan cannot fight everyone at the same time: he is reduced to having almost no friendly relations with any head of state. Putin, on the other hand, needs Turkish Stream to be able to apply pressure on the European Union, especially with regard to pipelines and Ukraine.

In such a situation, the need for ongoing dialogue between regional actors is constant, and when absent for several months, ends up counterproductive for all concerned. It is in this context that the meeting must be seen, which is very different from the assumption that alliances are being formed with a future common strategy on Syria.

And, furthermore, make no mistake: the geopolitical unrest between Turkey and Russia is not going to end soon. This is easily understood when listening to the press conference of Putin and Erdogan. First, they discussed business, and only after that did they speak about Syria. There is very little common ground for any kind of alignment on that matter, and the press conference clearly was also aimed at giving a good impression (to NATO and Washington above all) of cooperation on a broader array of issues. When Putin and Erdogan were speaking about energy deals, they were aiming at the EU and to some extent at the USA.

This meeting, the way it was structured, and its related press conference were carefully orchestrated. However, it also explains why on a geopolitical level little will change, especially in Syria. Put simply, it is almost impossible to achieve any kind of agreement between the parties on ending the conflict. This is why the idea of a Russo-Turkish alliance in Syria seems like an exercise in confusion rather than in providing a proper explanation of the situation. The evidence shows Russia and Turkey adopting often divergent and contrasting policies designed to defend, from their respective points of view, «vital national interests».

Moscow, Beijing and Washington: A Complicated Triangle

Moscow, Beijing and Washington: A Complicated Triangle

Moscow, Beijing and Washington: A Complicated Triangle

Original Source Strategic Culture Foundation: http://www.strategic-culture.org/news/2016/08/06/moscow-beijing-and-washington-a-complicated-triangle.html

The historical importance of relations between the United States, China and Russia has long been analyzed from the beginning of the Cold War. Often the tone of interactions has determined the global situation. Important information can undoubtedly be gleaned concerning current and future strategies by observing the direction in which the dynamic relations between Moscow, Beijing and Washington are headed.

For a good part of the Cold War the United States enjoyed a privileged situation that relied on a tempestuous relationship between Moscow and Beijing, especially from the end of the 1960’s until the collapse of the Soviet Union. Ideological differences, regional conflicts and territorial disputes spanning for decades allowed Washington to occupy the apex of this complicated triangular relationship. It was in this climate that Nixon’s memorable visit to China developed in 1972, preceded by months of diplomatic work done by Henry Kissinger. The primary objective of the visit, beyond the dispute over Taiwan and the beginning of a fruitful economic cooperation, was to negotiate an agreement and align strategies against the Soviet Union. To date, there is no unique reason that can explain the collapse of the Soviet Union. But certainly the unenviable position of Moscow, subjected to the combined external pressures of Beijing and Washington, did little to help.

Since 1991, Russia and the PRC have embarked on a long path of reconciliation and reconstruction of bilateral relations based on trust and common interests. During the first post-Soviet decade, the triangular relationship between the powers saw strong cooperation and fewepisodes of conflict. It was during this period that the Chinese began to power up their economic engine, reaching what it is now. In particular, trade between Washington and Beijing skyrocketed, going from a few billion dollars in 1990 to a hundred billion dollars per annum in the early 2000’s. At the same time, Russia and the United States were experiencing their most agreeable period in history, thanks to Gorbachev and Yeltsin selling out Russia, bowing to western wishes to exploit the Russian Federation. It was during this embryonic phase that the trilateral relationship between the three powers began to crack. The level of poverty, decline, misery and humiliation suffered in the former Soviet Union, especially in Russia, compelled the Kremlin to appoint a young Vladimir Putin as Prime Minister, and then President, of the Russian Federation.

The apex of the triangle

Events on September 11, 2001 were the main driver for the adoption of a US global interventionist policy. Under the pretext of the infamous war on terror, every corner of the globe became open to attack, any perceived threat assuming a strategic priority to be addressed. As can be imagined, with such stated objectives, the next 15 years led to a progressive loss of stability and sense of security for both China and Russia. In particular, NATO expansion towards Russia’s borders, flaring up in the 2008 war with Georgia, marked the beginning of a direct action to attack the Eurasian superpower. Simultaneously in Southeast Asia, diplomatic action, increasingly expressed in military terms, led Beijing to demonstrate a more determined posture on matters concerning the definition and defense of its maritime boundaries.

In spite of the rising tensions, it was only in the recent 24-36 months that the situation took a dramatic turn. The events in Ukraine radically damaged relations between Moscow and Washington, and the affair concerning Crimea permanently changed the delicate balance in the triangular relationship between China, Russia and the United States. Specifically, it is important to observe the development of events from the coup in Ukraine, namely, international sanctions imposed by the European Union and the United States on Russia forced Moscow to make a long-awaited strategic turn to the east.

Immediately, vital trade agreements that had been lingering for 20 years awaiting approval were agreed to in a matter of weeks, thanks to the sudden motivation of Moscow and Beijing. Even military technology exchanges have overcome the historical mistrust between Moscow and Beijing, delivering a huge blow to American hegemonic aspirations. The last 15 years have seen a gradual but inexorable strategic rapprochement between China and Russia, the inadvertent result of Washington’s perpetual bullying. The paradoxical result of this continuous bullying has been Moscow’s turning to the east, resulting in Sino-Russian cooperation that effectively serves to place the United States in a weaker position with respect to both.

The privileged position held for decades by the United States has gradually evaporated, vanishing completely.

Beijing is the new vertex

In spite of all this, the People’s Republic and the United States continued to increase their trade, reaching a staggering five hundred billion dollars per annum in 2015. The insistence with which Washington has tried in every way – initially with the Asian crisis of 1997, then with strong pressure on regional allies (Japan and India in particular) to contain the economic growth of China – has ended up putting Washington in a disadvantageous position. A similar situation was seen with the same attitude pursued by NATO and the European Union of advancing towards Russia’s borders. The reunification of Crimea and the militarization of the ‘Spratly Islands’ are just two emblematic examples of what consequences American policies can lead to and how unproductive they can end up being for Washington.

The aspirations to global dominance of the American deep state have resulted in pushing China and Russia to adopt a comprehensive shared strategy in which they place at the center of their relations common interests rather than differences. Historical mistrust is a thing of the past, with the absence of ideological difference no longer providing a hindrance to mutual cooperation that pervades all areas. The weaknesses of the two nations was transformed into a strength through mutual all-around support.

A good example can be seen in the need for Russia to attract fresh capital, following the application of illegal international sanctions, and the equally important need for China to have rich agricultural lands to cultivate. Recent studies show that Siberia has probably the most fertile lands in the world. Both Moscow and Beijing needed to correct respective strategic deficits: food independence in the case of China, and foreign investment in the case of Russia. The combination of these needs fostered a fruitful collaboration that allowed them to quickly solve their issues: Chinese companies received long Siberian land concessions in exchange for huge capital. Further developments of this agricultural strategy will be interesting to follow in the near future.

Equally obvious is the aspiration of China and Russia to become international brokers, organizing and bringing together different countries within frameworks such as BRICS, SCO and AIIB. Although differing in purpose, membership and methods of action, it is the principle that unites all these organizations led by Moscow and Beijing. Stability, economic prosperity, cooperation and security are the four pillars on which these new global alliances are being built.

The Carnegie Endowment explains the strategic balance (especially nuclear) among the three powers, with an asymmetrical relationship between China and the US, a symmetrical one between Russia and the United States, and latent one between China and Russia.

The tragedy for the United States seems interminable

Although the global economic system is dominated by the dollar, benefiting only Washington, recent pushes towards the internationalization of the yuan (the IMF Basket and ASEAN), and trade exchanges between China and Russia that increasingly tend not to be conducted in dollars, explain the future trend of global currencies. The supremacy of the dollar depends mainly on its use in the oil trade, forcing countries to accumulate American money as a reserve currency in order to operate in the international markets. With the United States leading and imposing its international economic architecture, it is easy to understand the reasons behind the visits of Putin and Xi to Iran, and the even more significant visit of the Chinese leader to Saudi Arabia in recent months. The maneuvers towards de-dollarization are already being conducted. This for Washington is an existential threat that can hardly be ignored. Equally improbable is the possibility of America halting this drift. The American policy over the past fifteen years has forged unexpected agreements between the Russian Federation and the Republic of China that will end up in benefiting global stability. The failure of the global hegemonic aspirations of Washington, and of the strategies adopted against China and Russia, have ended up isolating the United States rather than Moscow and Beijing.

The hysteria that has plunged the American oligarchy has produced devastating results in America. Donald Trump and his strategy to accelerate the withdrawal of the US from the world stage in favor of a domestic recovery has had an unexpected success and could be the last chance to save the American empire from a future collapse. We could even almost overdo it and go further by stating that a Clinton presidency would transform the understanding between Moscow and Beijing, raising it to hitherto unseen levels, permanently isolating Washington.

564e9-obama-brzezinski

La proiezione di potere: tra mito e realtà.

071116-N-7883G-079

Di Federico Pieraccini

Il punto è “proiettare potere” e questo gli Stati Uniti lo fanno da decenni. Quando qualcuno chiama il bluff, non si piega al diktat e la guerra, per un motivo o per un altro avviene, è quasi sempre un disastro completo in termini tattici ed in termini di spesa militare di stato. Cifre astronomiche. Dall’altro lato c’è un ritorno in termini di soldi per l’apparato bellico-economico-industriale riceve compensi pazzeschi. In generale però, per togliere sovranità ad un paese si procede per gradi e quello economico nella stragrande maggioranza dei casi basta e avanza. L’amministrazione ‘obama-soros’ e delle primavere,rivoluzioni colorate e gladio (ISIS), ha unito questa componente con quella economica per tentare (inutilmente) di abbattere Assad per arrivare all’Iran e l’Ucraina (con la Crimea), per arrivare alla Russia.

Gli Stati Uniti proiettano potere solo in apparenza e soprattutto in termini economici, perché di fatto le strategie di Obama&Wall Street/Londra, sono FALLITE. Non esiste più la possibilità, per i policy makers di Washington, di ottenere ciò desideravano inizialmente (Assad via e Russia coinvolta in Ucraina o meglio ancora la Nato in Crimea), intraprendere una guerra in Ucraina con la Nato impegnata a garantire l’integrità della nazione (scappatoia per dichiarare guerra alla russia sulla questione Crimea); oppure avere soldati americani in Siria per combattere ISIS (scappatoia per invadere la Siria e poi puntare ad Assad).

Anche se i Neo-Con alla McCain dicono ‘guerra, guerra, guerra’, la realtà dei fatti ci dimostra che oramai questa possibilità per gli stati uniti non esiste più (quantomeno in forma convenzionale).

Anche se il controllo militare in senso stretto nel 2015 è poca cosa, il problema resta quello economico che esercitano enti come l’IMF, la Banca Mondiale, WTO, BRI, FSB (Finacial Stability Board) nei confronti della maggior parte dei paesi del mondo.
Oltretutto, rispetto ad una guerra materiale, questa forma di controllo ha due vantaggi incalcolabili: non costa nulla implementarla e non scatena reazioni negative nella popolazione; anzi la stragrande maggioranza non capisce/non sa.

Se a questi mezzi, già potenti di per se, viene unita la componente della “cultura pop-liberale-occidentale”, veicolata dalla propagandata dai media (nel loro complesso, quindi anche la cinematografia e letteratura), ecco che la nicchia in cui ricavare la propria dottrina di politica estera, esigenza essenziale per ogni paese sovrano, diventa davvero difficile. A maggior ragione in Europa per i paesi europei.

derivatives-3

Il Rublo, Il Petrolio, lo Shale Gas, I Derivati e l’Egemonia Americana

Federico Pieraccini

Ci sono due nodi centrali relativi alla svalutazione del Rublo e nel deprezzamento del dollaro da tenere in considerazione: la conservazione dell’egemonia Americana e la bolla speculativa dei derivati legati all’industria dello Shale Gas. Senza questi elementi interconnessi tra loro, risulta impossibile comprendere quali siano le motivazioni e le conseguenze di queste azioni economiche artificiali.

Questa vicenda va quindi necessariamente affrontata da prospettive diverse, una geopolitica e una prettamente economica.

Il crollo del Petrolio

Il deprezzamento del petrolio pare essere una strategia implementata di comune accordo tra il dipartimento di stato USA e la casa reale Saudita. Come si evince da questo articolo, gli incontri di Settembre 2014, tra Kerry e il principe Abdullah hanno posto le basi per una diminuzione del prezzo del greggio (rispetto al valore di mercato) e contemporaneamente un diniego nella riduzione della produzione quotidiana. Una manipolazione artificiale del prezzo del petrolio a tutti gli effetti. Parrebbe essere questo il principale motivo per cui, nonostante un crollo interno delle borse negli emirati (Tra Dubai, Q8, Ryad e Doha vi sono stati perdite tra l’8% e il 20% in una singola giornata ieri 16/12), non ci siano intenzioni a breve termine di diminuire la produzione giornaliera.

Gli effetti immediati di questa situazione sono tangibili in paesi in cui il break-even ( “Il punto di pareggio è un valore che indica la quantità, espressa in volumi di produzione o fatturato, di prodotto venduto necessaria a coprire i costi precedentemente sostenuti, al fine di chiudere il periodo di riferimento senza profitti né perdite.”) per l’estrazione di greggio varia sopra i 100$. Dall’Iran al Venezuela, passando per la Russia, tutte queste nazioni stanno risentendo del crollo nel valore del greggio. Gli emirati meno, dato che il loro punto di pareggio si attesta intorno ai 65$.

E’ una situazione che per alcuni paesi non è sostenibile a lungo, naturalmente non parliamo del Russia che comunque ha una buona base economica (debito pubblico basso, riserve auree elevate, molta liquidità in valuta estera), ma piuttosto di paesi come il Venezuela (break even a 160$) che ricevono molto dei propri introiti dai guadagni sulla vendita del petrolio. Unendo a questa situazione, le sanzioni imposte su Caracas, ecco che potremmo trovarci di fronte ad un crack economico venezuelano (Zero Hedge pone al 93% la possibilità di un default). Senza dimenticare che anche il petrolio Iraniano è colpito da questi ribassi (break-even a 136$), con grande soddisfazione di Ryad, suo competitor regionale.

Inondare il mercato di un bene con una richiesta molto bassa (Siamo al peak della richiesta di greggio?) ha effetti di deflazione e questo risulta tangible anche agli osservatori meno attenti. Se l’economia mondiale rallenta, di conseguenza anche la necessità di energia calerà contestualmente. Se questo calo non viene corrisposto da una diminuzione nella produzione (come richiesto all’OPEC 2 settimane fa), ecco che il prezzo crolla fino al valore attuale. In un certo senso, il cittadino comune potrebbe obiettare che il prezzo al barile attuale è molto più in linea con i valori di mercato in questa fase mondiale economica. Purtroppo è solo uno dei tanti punti di vista da cui osservare questo scenario e certamente non offre una spiegazione completa.

Il deprezzamento del Rublo

Indubbiamente vi è una correlazione abbastanza forte tra la caduta nel prezzo del greggio e il crollo nel valore del Rublo. Ma anche questa teoria non offre una spiegazione sufficiente. Ci sono altri fattori che non possono essere ignorati.

Le sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti e l’Unione europea impediscono concessione di prestiti a società russe, con termini di pagamento oltre i 30 giorni. Dato che le imprese russe ottengono denaro dell’occidente a basso prezzo sin dalla fine della Guerra Fredda, le sanzioni attualmente impediscono una ristrutturazione dei prestiti precedenti e ulteriori rifinanziamenti degli stessi. Le conseguenze sono che queste aziende devono adesso comprare euro e dollari per prendersi cura dei loro prestiti , creando così più domanda di valuta estera nel mercato russo e quindi indebolendo il rublo. Da un punto di vista puramente affaristico, le aziende Russe vorrebbero vedere un comportamento diverso della banca centrale Russa, come ci spiega Alexander Mercourius:

“Quello di cui ho il sospetto, riguardo a ciò che sta succedendo, è che i maggiori speculatori contro il rublo siano proprio le banche e aziende russe che hanno una grande quantità di prestiti in dollari da ripagare prima della fine dell’anno. Invece di pagare questi debiti con le loro riserve, stanno mettendo pressione sul governo e la Banca centrale convertendo i rubli in dollari e speculando contro il rublo. E’ questo aspetto più di ogni altro fattore che ha causato la recente disfatta del rublo. A giudicare da quello che Ulyukaev dice, il governo e la Banca Centrale hanno sostanzialmente capitolato e hanno deciso di aiutare le banche conferendo loro alcune delle riserve della Banca centrale. Questo potrebbe spiegare perché l’aumento dei tassi di ieri (15/12) sia stato così inefficace e perché nelle ultime ore il rublo si sia invece rafforzato.”

In effetti analizzando gli effetti collaterali del Bond emesso dalla Rosfnet il 12 Dicembre 2014 (625 Miliardi di Rubli – pari a 11 Miliardi di dollari al 15/12), sembrerebbe che alla fine la Banca Centrale Russa abbia ceduto e siano stati proprio loro ad acquisire questo enorme Bond, rifinanziando le scadenze dei prestiti, con le banche occidentali, della Rosfnet. Si potrebbe obiettare che gli Stati Uniti utilizzino la medesima tattica economica con la FED semplicemente stampando denaro. Il comportamento della banca centrale Russa, analogo a quello della FED , è stata una mossa obbligatoria, sia chiaro. Il problema è che il sistema globale è tarato sul Dollaro, non sul Rublo. La Russia ha utilizzato un metodo occidentale per creare soldi e ne paga le conseguenze che tanto spaventa gli Americani con il processo di De-Dollarizzazione.

Il fattore geo-politico di questa crisi

“Non avremmo mai potuto immaginare quello che sta accadendo, si materializzano i nostri incubi peggiori. E nei prossimi giorni penso che la situazione sarà paragonabile al periodo più difficile del 2008″ – Serghiei Shvetsov, primo vice governatore della Banca centrale Russa.

La domanda più interessante da porsi è: Le Autorità Russe potevano prevedere questo attacco combinato petrolio-rublo-sanzioni ? La risposta è si e lo hanno fatto. Peccato che nessuno potesse immaginare un’accelerazione così immediata di questa strategia. Nemmeno nei più profondi incubi Russi, in 6 mesi il petrolio sarebbe diminuito di metà del suo valore e il rublo deprezzatosi per oltre il 50% in 12 mesi. Quella americana è una tattica che impone un fattore di rischio elevatissimo e che mette in pericolo l’intera economia globale, come vedremo.

Per quale motivo allora gli Stati Uniti e i loro partner sono arrivati ad intraprendere questa via così  piena di incognite ? Anche in questo caso la vi sono risposte multiple. Certamente la spinta principale riguarda la strategia geopolitica del ‘regime-change’ in paesi come Venezuela, Iran e Russia (ovvero quelli più colpite dal crollo del prezzo di Petrolio). Se con i normali metodi di softpower i risultati sono stati poco apprezzabili (l’Iran vola verso l’accordo 5+1, Assad è sempre più solido in Siria, Putin sempre più apprezzato in patria e Maduro è riuscito a riguadagnare le redini del paese dopo un periodo di instabilità seguita alla morte di Chavez e alla porteste artificiali estive), in chiave economica la leva per ottenere questi cambiamenti aumenta notevolmente, ma anche i rischi. Il crollo della valuta, la diminuzione delle revenues dal greggio, l’aumento dei prezzi, l’aumento dell’inflazione, la diminuzione potere di acquisto e così via sono l’arma con cui l’America è convinta di poter continuare il suo ruolo egemone nel mondo. Indurre ad un crollo interno nazioni rivali grazie ad una combinazione di fattori (Sanzioni, Petrolio, Valuta).

Quali sono i rischi di questa strategia ?

Dopo aver analizzato le motivazioni e i metodi utilizzati per perseguire questa strategia Kamikaze, passiamo alla parte certamente più interessante ma anche più inquietante: i rischi. La crisi Ucraina, l’unione eurasiatica, la de-dollarizzazione e i mega accordi stipulati tra i paesi Brics hanno spinto ad una reazione violenta Washington, in un gioco da ‘rischia tutto’.

Il fattore che si porta dietro le maggiori incognite ma anche i maggiori timori è il mercato dello Shale Gas/Oil americano. Innalzato come vessillo dell’indipendenza energetica americana, bramato come arma per transitare dal medio-oriente verso l’asia (parte della strategia del “Asian Pivot”), innegabilmente ha giocato (e tutt’ora recita) un ruolo primario nei piani dei policy makers a Washington.

Eppure ciò che viene abilmente taciuto dai media mainstream riguarda gli effetti collaterali, sul mercato dello shale gas, di un prezzo così basso del petrolio. Il punto di pareggio per questi nuovi metodi di estrazione è intorno agli 80-85$ a barile. Risulta semplice comprendere quindi che con un prolugarsi dei prezzi così bassi, gli effetti saranno devastanti per tutto il mercato dello Shale in USA (il primo caso di questo genere è già avvenuto, la Red Fork Energy Australiana ieri è entrata in amministrazione controllata). Se fossero solo queste le conseguenze, potremmo anche considerarle irrilevanti. I problema nasce quando ci si focalizza sui prestiti che questa aziende non riusciranno a restituire alle banche creditrici. Un default del settore scatenerebbe un meccanismo a cascata che finirebbe per intaccare la madre di tutte le bolle speculative: i derivati in pancia alle Banche occidentali.

Il grande rischio globale che gli Stati Uniti si stanno prendendo in carico per mantenere la loro egemonia globale non è molto diversa da un attacco nucleare preventivo (pare una dottrina da first strike in chiave economica). Se il prezzo del petrolio (artificiosamente manipolato) dovesse trascinarsi nell’abisso l’industria dello Shale Gas Americano, tutti i prestiti da rimborsare alle banche USA andrebbero in fumo. Con loro tutto il mercato dei derivati.

Diamo dei numeri a queste parole e vediamo QUANTI di questi strumenti finanziari, le banche americane possiedono:

JPMorgan Chase

  • Attività totali: $ 2,520,336,000,000 (circa 2,5 triliardi di dollari)
  • L’esposizione totale ai derivati: $ 68,326,075,000,000 ( più di 68 triliardi di dollari )

Citibank

  • Attività totali: $ 1,909,715,000,000 (poco più di 1,9 triliardi di dollari)
  • L’esposizione totale ai derivati: $ 61,753,462,000,000 ( più di 61 triliardi di dollari )

Goldman Sachs

  • Attività totali: 860.008 milioni dollari (meno di un trilione di dollari)
  • L’esposizione totale ai derivati: $ 57,695,156,000,000 ( più di 57 triliardi di dollari )

Bank Of America

  • Attività totali: $ 2,172,001,000,000 (un po ‘più di 2,1 triliardi di dollari)
  • L’esposizione totale ai derivati: $ 55,472,434,000,000 ( più di 55 triliardi di dollari )

Morgan Stanley

  • Attività totali: 826,568 miliardi dollari (meno di un triliardo di dollari)
  • L’esposizione totale ai derivati: $ 44,134,518,000,000 ( più di 44 triliardi di dollari )

Un paragone utile per realizzare pienamente di quali numeri stiamo parlando: il debito pubblico americano ammonta a 18 Triliardi di dollari. Il mercato dei derivati delle sole 6 banche più grandi d’america ammonta a quasi 16 volte il debito americano.

Siamo di fronte quindi all’ennesimo dilemma già posto nella crisi finanziaria del 2008: lasciar fallire le banche o salvarle ? In questo caso ci sono due possibili strade da percorrere: Stampare moneta (la FED) senza preoccuparsi dell’aumentare proprio debito pubblico (l’esempio usato è il Giappone con il 300% di debito pubblico) oppure lasciar fallire le banche, trascinando nel vortice tutta l’economia Americana, Europea e probabilmente globale.

Dando per assodato che la manipolazione del Petrolio e di conseguenza del Rublo sono una mossa geopolitica, qual è la strategia vincente che Washington spera di ottenere, senza provocare un collasso globale dell’economia ? Favorire un regime change in Venezuela, Iran e Russia in breve tempo oppure obbligare queste nazioni a scendere a patti con i diktat occidentali. E’ importante notare che il tempo NON è dalla parte dell’occidente. Il motivo è legato alle argomentazioni esposte sopra: un prezzo del greggio così basso manderebbe in malora il mercato dello Shale gas, causando un effetto a catena che annienterebbe le maggiori banche USA e potrebbe attivare la più grande bolla speculativa della storia umana, i derivati, che provocherebbero una crisi economica di fronte a cui quella nel 2008 verrebbe ricordata come una passeggiata.

C’è un fattore che conta più di ogni altra ed è considerata dagli USA come la vera chiave di volta di questa strategia. Se anche il mercato dello Shale arrivasse al collasso e le banche USA dovessero essere salvate nuovamente (come richiesto da loro stesse già l’11 Dicembre ), la soluzione potrebbe essere quella di semplicemente stampare più soldi dalla FED e aumentare il debito pubblico americano. Si potrebbe obbiettare che questo diminuirebbe nettamente la credibilità del Dollaro stesso. E’ un argomento di dibattito e nessuno ha una risposta certa. Sicuramente in USA sono convinti che se questa tattica dovesse avere successo e portare ad un regime change e collasso economico della Russia, la Cina sarebbe costretta a “ritornare all’ovile” (avendo perso il suo alleato numero 1), garantendo quindi solidità ai buoni del tesoro USA (la credibilità del dollaro dipende molto dalla Cina a causa dell’elevata quantità di BTP americani detenuti dai cinesi) e quindi alla credibilità del dollaro stesso (persino in una situazione in cui il debito pubblico dovesse passare da 16 a 36 triliardi di dollari).

Il problema di fondo resta sempre geopolitico. La visione egemonica che gli USA hanno e che vogliono mantenere. Al momento non hanno altri mezzi per combattere un cambiamento globale che sta transitando l’umanità in una fase non più unipolare (in cui gli americani erano l’unica super-potenza) ma multipolare (più attori sulla scena mondiale). Siamo alla resa dei conti e la deriva attuale ci pone davanti ad un rischio incalcolabile per l’intera economia globale… ne vale davvero la pena ?

365_Hungary_protest

Prossimo obbiettivo: Ungheria.

L’Ungheria esce dalla recessione e caccia il Fmi

Di Federico Pieraccini

Nell’ormai consolidata prassi delle rivoluzioni colorate/primavere arabe assistiamo all’ultimo obbiettivo in termini di tempo. Dopo l’Ucraina e Hong Kong, anche l’Ungheria sembrerebbe essere entrata nel mirino del famigerato regime change di Washington.

Le principali cause che portano gli Stati Uniti ad adottare strategie aggressive contro altri stati (Afghanistan, Iraq, Iran, Siria, Ucraina, Yemen, Egitto, Tunisia, Libia, Argentina, Brasile, Russia, Venezuela, Cina, Hong Kong) sono da imputare principalmente a motivazioni geo-strategiche. La dottrina americana di politica estera si basa sul concetto di egemonia globale da oramai molti anni. Le motivazioni per cui queste nazioni sono state destabilizzate, bombardate o attaccate sono da ricercare nella visione occidentale della gestione di un paese: perseguire prima gli interessi Americani. E’ stato così in Siria, con i legami Iraniani, in Ucraina, per la vicinanza Russa e ad Hong Kong per la contiguità con la Repubblica Popolare Cinese. Naturalmente i target principali sono Russia, Iran e Cina, non di certo le nazioni-satellite che vengono aggredite. Il problema di fondo è la politica estera di Washington: perseverare con una dottrina di egemonia completa, significa considerare ogni zona del mondo come strategica e zona di interesse su cui porre una sfera di influenza più o meno accentuata.

Ciò che sorprende, ma non troppo, è come anche anche l’Europa contrariamente agli anni passati, sia divenuto un target legittimo per i Think-tank che determinano le scelte a Washington. Le motivazioni sono da ricercare essenzialmente nei mutamenti multipolari che stanno modellando il nuovo ordine mondiale. Gli Stati Uniti hanno bisogno di un’Europa ancor più legata e dipendente da Washington, che esegua gli ordini senza porsi troppe domande sul reale effetto delle proprie azioni (vedasi le sanzioni UE alla Russia su Input USA), per centrare i propri obbiettivi strategici.

In questo contesto le recenti decisioni prese a Budapest, ma più in generale le politiche domestiche di Orban negli ultimi anni, hanno acceso più d’una spia rossa nell’amministrazione Obama.

Di pretesti per attirare l’attenzione di Washington, Orban ne ha dati molti: Intraprendere una strada concreta per uscire dall’Euro, ripagare i debiti internazionali al FMI, tentare di ottenere una moneta sovrana, una banca centrale meno vincolata dal BRI (Banca dei Regolamenti Internazionali), una maggiore vicinanza con la Russia e lo sblocco del progetto South Stream.

Naturalmente la stampa occidentale non è rimasta ferma un minuto e nel corso del tempo il fuoco incrociato degli organismi di stampa internazionali è divenuto diretto ed esplicito. Questi sono i titoli che possiamo leggere riguardo all’Ungheria:

Dal Guardian“L’Autunno di Budapest: lo svuotamento della democrazia sul bordo d’Europa”.

Oppure il New York Times: “Quando Obama ha recentemente elencato gli stati che stanno silenziando i gruppi della società civile, l’Ungheria è stato l’unico stato Europeo ad essere stato menzionato. Washington ha imposto sanzioni e ha vietato l’ingresso a sei ufficiali Ungheresi, affermando che sono troppo corrotti per entrare in America”.

Come sempre i media sono il motore, fomentatore, dei disordini e della creazione di situazioni appetibili a forze straniere, capaci spesso di influenzare il corso degli eventi.

NED e le sue affiliate.

Come già visto in altri contesti, spesso non bastano i media e dietro ad apparenti manifestazioni spontanee (che siano primavere arabe o rivoluzioni colorate) vi è una macchina organizzativa, rodata da tempo, ormai parte integrante della politica estera americana.

Il governo degli Stati Uniti sta segretamente finanziando mezzi di informazione e giornalisti stranieri. Ci sono organi governativi – compreso il Dipartimento di Stato, il Dipartimento della Difesa, l’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (U.S. Agency for International Development, USAID), il Fondo Nazionale per la Democrazia (National Endowment for Democracy, NED), il Consiglio Superiore per la Radiodiffusione (Broadcasting Board of Governors, BBG) e l’Istituto degli Stati Uniti per la Pace (U.S. Institute for Peace, USIP) – che sostengono lo “sviluppo dei media” in più di 70 paesi. In These Times ha scoperto che questi programmi comprendono il finanziamento di centinaia di organizzazioni non governative (ONG), giornalisti, uomini politici, associazioni di giornalisti, mezzi di informazione, istituti di formazione e facoltà di giornalismo. La consistenza dei finanziamenti varia da poche migliaia a milioni di dollari.

“Stiamo essenzialmente insegnando le dinamiche del giornalismo, che sia stampato, televisivo o radiofonico”, dice il portavoce di USAID Paul Koscak. “Come imbastire una storia, come scrivere in modo equilibrato… tutte quelle cose che ci si aspetta da un articolo prodotto da un professionista”.

Ma alcuni, soprattutto fuori dagli Stati Uniti, la vedono diversamente.

“Pensiamo che i veri fini che si celano dietro questi programmi di sviluppo siano gli obiettivi della politica estera statunitense”, dice un alto diplomatico venezuelano che ha chiesto di non essere citato. “Quando l’obiettivo è il cambio di regime, questi programmi si rivelano strumenti di destabilizzazione di governi democraticamente eletti che non godono del favore degli Stati Uniti”.

I principali organi, dediti alla creazione delle condizioni necessarie per ottenere una situazione di pre-caos, sono essenzialmente 4:

  • NED “[Il Ned] è un programma di successo della Princeton University che supporta i dipendenti pubblici, i responsabili politici e gli studiosi di tutto il mondo che vogliono costruire governi più efficaci e responsabili in contesti difficili.”
  • CIMA “Il Center for International Media Assistance ( CIMA ) è dedicato al miglioramento degli sforzi degli Stati Uniti di promuovere i media indipendenti nei paesi in via di sviluppo in tutto il mondo”
  • USAID “E’ un’agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale diretto dal governo federale degli Stati Uniti ed è l’agenzia principalmente responsabile della gestione degli aiuti civili all’estero.”
  • Freedom House “La Freedom House è una organizzazione non governativa internazionale, con sede a Washington, D.C., che conduce attività di ricerca e sensibilizzazione su democrazia, libertà politiche, e diritti umani.”

Puntuale come sempre, assistiamo ad una destabilizzazione ad orologeria qualora gli apparati economico-mediatici di Washington decidano di agire prendendo di mira una nazione.

Le modalità e le motivazioni, delle proteste di questi giorni in Ungheria, sembrano sospettosamente simili a quelle degenerate a Kiev in Febbraio:

18 Novembre – Decine di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza oggi a Budapest e in altre città ungheresi per mostrare “indignazione” contro le politiche di destra del primo ministro Viktor Orban.

Le tensioni si sono intensificate dopo che il presidente Orban ha rifiutato di licenziare Presidente dell’Autorità Fiscale Nazionale Ildiko Vida,  accusato di corruzione da parte di funzionari degli Stati Uniti, dal momento che Orban ha respinto le accuse di corruzione

“Non possiamo pagare le tasse che tu rubi!” recitava uno degli striscioni. Altri chiedevano le dimissioni. Belint Farkas, uno studente 26enne, si è lamentato della politica estera dell’Unghieria di Orban: “Non vogliamo che Orban ci porti verso Putin e la Russia. Noi siamo un paese Ue e vogliamo stare in Europa, alla quale apparteniamo”.

Il procedimento per la creazione di queste condizioni di caos spesso lascia tracce e indizi nei mesi e negli anni precedenti.

Osserviamo cosa diceva poco tempo fa l’organizzazione CIMA:

“L’Ungherese Viktor Orban non ha appetito per la democrazia“. 

Freedom House, qualche giorno fa:

“Da quando è arrivato al potere nel 2010, il governo Orbán ha attuato una serie di modifiche legislative che sono state criticate per aver minato la libertà dei media.”

Le recenti proteste nella città di Budapest hanno dimostrato che i meccanismi per un regime change sono già operativi e stanno iniziando a percorre tutte le vie necessarie per centrare questo obbiettivo.

La buona riuscita di tali azioni dipendono essenzialmente dal livello di repressione che il governo legittimo di Orban deciderà di applicare. Un tentennamento in stile Janukovyč, qualora la situazione degenerasse come accadde a Kiev, potrebbe essere fatale. Per il futuro dell’Europa, dell’Eurasia e di un mondo multipolare più bilanciato auguriamoci che Orban non commetta l’errore di indugiare troppo nel reagire a queste aggressioni straniere.

La tragedia di grande potenza politica

La tragedia di grande potenza politica è un libro dello studioso americano John Mearsheimer sul tema della teoria delle relazioni internazionali pubblicato da WW Norton & Company nel 2001 Mearsheimer spiega e sostiene per la sua teoria del ” realismo offensivo “, affermando la sua ipotesi di base, l’evoluzione dai primi di teoria realista , e la sua capacità predittiva. Si riconosce facilmente il pessimismo intrinseco del realismo offensivo e le sue previsioni, perché il mondo di Mearsheimer è quella in cui il conflitto tra le grandi potenze non vedrà mai una fine.

Contenuto

Principali argomenti

Anarchia e la lotta per il potere

Mearsheimer postula che gli stati sono sempre alla ricerca di opportunità per guadagnare potere su di loro rivali. Egli sostiene che gli stati perseguono il potere a causa del sistema anarchico in cui operano. In politica internazionale non esiste una gerarchia, nessun ” guardiano notturno “a cui rivolgersi quando si attacca un altro Stato. Per questo motivo, gli stati sono costretti a fare affidamento solo su se stessi per la sicurezza. Afferma Così cercano di espandere il loro potere sia militarmente, geograficamente ed economicamente, al fine di aumentare la loro sicurezza.

Primato del potere terreno

Il potere di uno Stato nella politica internazionale, Mearsheimer sostiene, deriva dalla forza del suo esercito per due motivi. In primo luogo, perché la forza la terra è la potenza militare dominante in epoca moderna, e in secondo luogo, perché le grandi masse d’acqua limitano le proiezione di potenza capacità di eserciti di terra.

Il potere di arresto dell’acqua

Mearsheimer sostiene che la presenza di oceani nel mondo impediscono ai singoli Stati di raggiungere l’egemonia mondiale. Egli postula che le grandi masse d’acqua limitano le capacità di proiezione di potenza di militari e, quindi, naturalmente dividono poteri nel mondo.

Egli usa l’esempio del isolamento fornito in Gran Bretagna dal Canale della Manica , che ha permesso di agire come un bilanciatore in mare aperto sul continente europeo. Gran Bretagna, egli sostiene, non ha mai avuto l’ambizione di controllare o dominare l’Europa continentale. Invece mira solo a mantenere l’equilibrio di potere e di garantire che nessuno Stato potrebbe diventare così potente da ottenerel’egemonia regionale sul continente. Per gran parte del 19 ° secolo, la Gran Bretagna aveva una capacità industriale che avrebbe potuto facilmente dominato gran parte dell’Europa. Tuttavia, la Gran Bretagna ha scelto di non seguire questa strada, in parte perché si calcola che i suoi obiettivi di raggiungimento della sicurezza potrebbero essere più a buon mercato raggiunti se le potenze europee potrebbero essere giocate uno contro l’altro. Così facendo si sarebbero occupati sul continente europeo e in grado di sfidare la Gran Bretagna attraverso la Manica o interferire con gli interessi economici della Gran Bretagna in Asia e in Africa.

Strategie statali per la sopravvivenza

Egemonia regionale

Le grandi potenze cercano di raggiungere quattro obiettivi principali. Il loro scopo più alto è quello di raggiungere l’egemonia regionale. Mearsheimer sostiene anche se il raggiungimento dell’egemonia globale dovrebbe garantire la massima sicurezza a uno stato, non è fattibile perché il mondo ha troppi oceani che inibiscono la proiezione del potere militare. Così la difficoltà di proiettare potenza militare attraverso grandi masse d’acqua rende impossibile per grandi potenze di dominare il mondo. Egemoni regionali cercano con forza per evitare che altri Stati membri di conseguire l’egemonia regionale. Invece, essi cercano di mantenere l ‘equilibrio tra potere nelle regioni e agire al fine di garantire l’esistenza di più poteri per mantenere quelle più poteri occupati tra di loro piuttosto che essere in grado di sfidare gli interessi della potenza egemone regionale, che sarebbero liberi di fare se non fossero occupati dai loro concorrenti vicini. Mearsheimer usa l’esempio degli Stati Uniti che ha raggiunto l’egemonia regionale alla fine del 1800 e poi ha cercato di intervenire ovunque sembrava come se un altro Stato possa conseguire l’egemonia in una regione. Questi interventi sono:

Ricchezza massima

Le grandi potenze cercano di massimizzare la loro parte della ricchezza del mondo, perché la forza economica è il fondamento della forza militare. Le grandi potenze cercano di impedire che potenze rivali da dominare ricchezza regioni produttrici del mondo. Stati Uniti, per esempio, ha cercato di evitare che l’Unione Sovietica di dominare l’Europa occidentale e il Medio Oriente. Gli Stati Uniti hanno fatto questo perché se i sovietici hanno guadagnato il controllo di queste aree l’equilibrio di potere sarebbe stato alterato in modo significativo contro gli Stati Uniti.

Superiorità nucleare

Mearsheimer afferma che le grandi potenze cercano nucleare superiorità sugli avversari. Esistono grandi potenze in una parola di più potenze nucleari con la capacità assicurata per distruggere i loro nemici chiamati distruzione reciproca assicurata ( MAD ). Mearsheimer non è d’accordo con le affermazioni che gli stati si accontentano di vivere in un mondo MAD e che eviterebbe le difese in via di sviluppo contro le armi nucleari. Invece egli sostiene che le grandi potenze non sarebbero contenti di vivere in un mondo folle e sarebbe provare a cercare modi per guadagnare la superiorità sugli avversari nucleari.

Aumento della potenza americana; 1800-1900

Gli Stati Uniti è stato un forte espansionista potere nelle Americhe. Punti Mearsheimer al commento fatto da Henry Cabot Lodge , che gli Stati Uniti avevano un “record di conquista, colonizzazione ed espansione territoriale senza pari con qualsiasi persone nel 19 ° secolo”. Nel 1840 gli europei cominciarono a parlare della necessità di preservare un equilibrio di potere in America e contenere ulteriore espansione americana.

Ma nel 1900 gli Stati Uniti avevano raggiunto l’egemonia regionale e nel 1895 il suo Segretario di StatoRichard Olney detto nel Regno Unito Lord Salisbury “Oggi gli Stati Uniti sono praticamente sovrano su questo continente e il suo fiat è diritto, i soggetti che rientrano nella sua interposizione … la sua infinita risorse e posizione isolata rendono padrone della situazione e praticamente invulnerabile contro tutti gli altri poteri “.

Reception

Charles Kupchan del Council on Foreign Relations ha definito “un libro importante e imponente”, in cui Mearsheimer “definisce con eleganza il suo approccio teorico allo studio della politica internazionale”. Tuttavia, egli è molto critico del modo in cui Mearsheimer (mis) usa la storia per aggravare la sua teoria. Inoltre, Kupchan denigra convinzione di Mearsheimer nella sua teoria e la sua incapacità di essere “più aperto per eclettismo nello spiegare la politica tra le grandi potenze “. John A. Hall of McGill University ha trovato gli argomenti del libro rafforzati da “una tenuta e coerenza”.

Vedi anche

Riferimenti

Collegamenti esterni

G7-vs-BRICS-581x252

Benvenuti nel nuovo ordine mondiale

La relazione annuale del FMI conferma che il futuro appartiene ai BRICS, con il potere economico occidentale in declino più velocemente di quanto precedentemente stimato.

Benvenuti nel nuovo ordine mondiale

La Cina potrebbe superare gli Stati Uniti nel 2020 Fonte: wikipedia.org

Quando piove diluvia. La relazione annuale del Fondo monetario internazionale sull’attività economica globale mostra un panorama economico mondiale che si è spostata drammaticamente con le economie occidentali in declino più velocemente di quanto precedentemente immaginato.

Nella sua relazione economica mondiale  il FMI dice che la Cina ha spodestato gli Stati Uniti come più grande economia del mondo, con l’India al terzo posto davanti al Giappone. Germania, Russia, Brasile, Francia e Indonesia seguono, con il Regno Unito fanalino di coda. Ci sono quattro paesi BRICS nell’elenco delle prime 10 economie.

L’economia cinese è ancora più piccola di quella americana in dollari USA, ma il PIL a 17.600 miliardi dollari – vs America 17.400 miliardi dollari – sulla base dei parametri PPA (parità di potere d’acquisto). Il PPP fornisce un quadro più realistico delle attività economica, perché ci dice quanto la valuta di un paese può acquistare in casa propria. Si tratta di un modo più preciso per confrontare le dimensioni delle economie piuttosto che utilizzare i tassi di cambio volatili.

пустым не оставлять !!

Quello che ha sorpreso tutti è quanto rapidamente le economie occidentali siano in diminuzione rispetto ai paesi emergenti. Nel 1990, quando l’Unione Sovietica stava crollando e l’Occidente rimase trionfante, il PIL combinato del G7 era 12.000 miliardi dollari, più grande delle attuali sette potenze emergenti più grandi – Cina, India, Russia, Brasile, Indonesia, Messico e Corea del Sud. Nel 2013 lo stesso gruppo di sette paesi aveva un PIL combinato che è di 3.000 miliardi dollari più grande di quello di tutto i paesi del G7 uniti.

La Cina, per esempio, è cresciuta ignorando tutte le proiezioni. Recentemente, nel 2005 l’economia del paese era meno della metà degli Stati Uniti. Il National Intelligence Council, che sovrintende la comunità di intelligence degli Stati Uniti, aveva predetto che la Cina avrebbe sorpassato gli Stati Uniti solo nel 2020.

Un’India timida è ormai solo un ricordo. L’unica cosa che potrebbe fermare l’India di crescere in un inedito 10-15 per cento l’anno è l’India stessa. Citi Group  dice che l’India sarà la prima economia del mondo entro il 2050, con un PIL di 85.000 miliardi dollari, seguita dalla Cina a 80.000 miliardi dollari e gli Stati Uniti al terzo posto da $ 39 trilioni.

La Russia è saltata davanti al Brasile ed è a poche decine di miliardi di dollari dalla timido Germania. In realtà, il rimbalzo della Russia è il più spettacolare comparto se si considera che era crollata nel 1990. Sembra che più l’Occidente tenti di spremere la Russia e più resistente diventi la sua economia.

Nuovo Ordine Mondiale

Nel contesto di questo spostamento di enorme potenza da Ovest a Est, per quanto tempo può l’attuale gerarchia geopolitica – che è rimasto invariato dalla seconda guerra mondiale – sopravvivere? Attualmente, le Nazioni Unite, Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale sono tutti nella lista delle istituzioni internazionali da riformare.

Siria

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha messo in evidenza l’incongruenza di 1,2 miliardi di indiani nel non essere adeguatamente rappresentati alle Nazioni Unite. Infatti, la presenza della Gran Bretagna e della Francia nel Consiglio di Sicurezza P5 – mentre l’India, il Giappone e Brasile restano fuori – rasenta il ridicolo.

Nel FMI le partecipazioni sono ancora più bizzarre. Gli Stati Uniti hanno la quota più grande del 16,7 per cento. Ma la Cina ha una quota del 3,8 per cento – leggermente inferiore a quello d’Italia, che ha un’economia delle dimensioni di un quinto.

Il direttore del FMI Christine Lagarde ha realizzato il rifiuto degli Stati Uniti di ratificare le riforme – di aumentare la quota di voto di Cina, India e altri paesi emergenti.

Ma più sorprendente del declino economico è il disfattismo e l’angoscia che si riscontra in occidente. Un recente sondaggio del Pew Research Center mostra che solo il 28 per cento degli americani crede che gli Stati Uniti siano eccezionali o la più grande di tutte le nazioni.

“L’aumento dello stato di sicurezza nazionale e il trionfalismo del settore aziendale (insieme con la crescita della disuguaglianza colpisce il paese) è stata accompagnato da una diminuzione decisa nel potere del governo di funzionare a livello interno di nazione e contemporaneamente è aumentato lo Stato imperiale che impone la propria volontà ovunque sulla Terra “, dice lo scrittore americano Tom Engelhardt.

“Quello che si vede è l’ascesa non tracciata di un paese del Terzo Mondo all’interno di un Primo Mondo, un’America impotente all’interno della superpotenza globale putativa”, aggiunge.

Perché gli Stati Uniti sono il motore della alleanza occidentale, la sua superiorità morale sta avendo un effetto domino sul resto dell’Occidente. I suoi vassalli come l’Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Kuwait, Georgia e Pakistan, sono anch’essi di fronte ad un futuro incerto.

пустым не оставлять !!

Mentre le economie emergenti crescono in dimensioni, la loro massa critica getta le basi di un nuovo ordine, che è autonomo dall’ordine internazionale occidentale.

A dire il vero, la perdita di potere assoluto non significa che l’Occidente mangerà erba in futuro. Il suo declino è solo relativo e conserva molti punti di forza. La qualità complessiva della vita, per esempio, negli Stati Uniti e in Europa è molto più alto che in Cina o in India. Le multinazionali occidentali controllano una buona fetta della produzione globale. Le Università occidentali attirano centinaia di migliaia di studenti provenienti da paesi emergenti. La Silicon Valley e l’innovazione è impareggiabile.

Ma i giorni in cui l’Occidente era una potenza incontrastata sono finiti. Ogni anno che passa, Cina, India e Russia diventano più ricche e militarmente più potenti. Il divario nel tenore di vita si sta chiudendo rapidamente. Entro il 2050 le 10 maggiori economie includeranno nuovi entranti quali l’Egitto il Messico e la Nigeria, con solo gli Stati Uniti che rappresenteranno l’Occidente in questa speciale classifica. Benvenuti nel ordine mondiale policentrico.

Tradotto da Fractions of Reality  – FONTE
IMG_0071_630x420

HONG KONG: L’ennesima rivoluzione colorata sponsorizzata USA

34534534

L’obiettivo degli Stati Uniti a Hong Kong è chiaro – trasformare l’isola in un epicentro di sovversione finanziata da stranieri con cui infettare la Cina continentale più direttamente.

I manifestanti di “Occupy Central” del movimento a Hong Kong gridano slogan familiari e adottano tattiche familiari visto in tutto il mondo come parte dell’immensa politica di destabilizzazione e di cambio di regime fomentato dagli Stati Uniti. Identificare i leader, seguire il denaro, ed esaminare la copertura occidentale di questi eventi rivelano con certezza che ancora una volta, Washington e Wall Street sono impegnati per rendere l’isola cinese di Hong Kong difficile da governare per Pechino.

Facendo i nomi: chi c’è dietro “Occupy Central?” 

Diversi nomi sono ripetutamente menzionati in ciò che viene chiamato “Occupy Central”, l’ultimo di una lunga serie di rivoluzioni colorate ingegnerizzate dagli USA e parte del vasto, ambizioso piano Americano di riordino della geopolitica globale  che ha iniziato seriamente nel 2011 con il pretesto della cosiddetta “Primavera araba“.

Benny Tai, docente di diritto presso l’Università di Hong Kong, è citato da varie fonti attraverso i media occidentali come l’organizzatore primario delle proteste – tuttavia ci sono molti “co-organizzatori” al suo fianco. Il South China Morning Post in un articolo intitolato, ” Occupy Central: Benny Tai cavalca un’onda di protesta studentesca per lanciare il movimento (1) , “ne cita la maggior parte” (il corsivo è mio):

Pesi massimi della politica civica come Audrey Eu Yuet-mee , ex capo della diocesi cattolica , il cardinale Jospeh Zen Zi-kiun  e il presidente e fondatore del Partito Democratico Martin Lee Chu-ming.

Il Post cita anche (enfasi aggiunta):

Jimmy Lai Chi-Ying , il boss di Next Media, che è sotto inchiesta da parte della Commissione indipendente contro la corruzione su alcune donazioni ai politici pan-democratici, ha detto che si è unito alla protesta subito dopo una chiamata da Martin Lee Chu-ming.

Benny Tai frequenta regolarmente forum organizzati e finanziati da il Dipartimento di Stato USA, National Endowment for Democracy (NED) e dalla sua controllata il National Democratic Institute (NDI). Proprio questo mese, ha parlato in un  ridisegno della democrazia di Hong Kong (NDI-finanziato) in una conferenza sulle riforme politiche. E’ attivo anche presso l’Università nel Centro di Hong Kong per diritto comparato e pubblico (CCPL). Nel 2013-2014 la relazione annuale del CCPL elenca Benny Tai come frequentatore di almeno 3 delle funzioni dell’università e di uno di essi sarebbe anche l’organizzatore.

Martin Lee, Jimmy Lai, e Joseph Zen sono tutti confermati come leader del movimento “Occupy Central” e collaboratori con il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Martin Lee, presidente fondatore del Partito democratico di Hong Kong, si sarebbe recato negli Stati Uniti quest’anno  a cospirare direttamente con la NED e con politici di Washington. All’inizio di quest’anno, Lee sarebbe salito sul palco della manifestazione del NED ” Perché la democrazia in materia di Hong Kong .” Ha partecipato all’evento organizzato dalla NED anche Anson Chan, un’altra figura di spicco  attualmente a sostegno delle agitazioni in corso nelle strade di Hong Kong.

Il magnate dei media Jimmy Lai è stato segnalato per aver incontrato il Neo-Con ed ex presidente della Banca Mondiale, Paul Wolfowitz nel giugno 2014. Il China Daily ne avrebbe riferito in un articolo intitolato, ” Opposizione alle ingerenza straniera in HK ” che dice:

Un’edizione speciale di Eastweek ha mostrato Lai, proprietario di Next Media ed Apple Daily, incontrare Paul Wolfowitz, ex vice segretario della Difesa nell’amministrazione di George W. Bush. La coppia si è riunito sullo yacht privato di Lai per cinque ore a fine maggio. 

Wolfowitz, era anche presidente della Banca Mondiale tra il 2005 e il 2007, è ben noto negli Stati Uniti per le sue idee neo-conservatori e la fede in una politica estera unilaterale. Wolfowitz aveva anche ricoperto la carica di Sottosegretario alla Difesa tra il 1989 e il 1993, attualmente è visiting scholar presso l’American Enterprise Institute.

Lai avrebbe anche chiesto l’aiuto Wolfowitz nel garantire diverse offerte di lavoro in Myanmar. Il South China Morning Post nel loro articolo, ” Jimmy Lai ha pagato Paul Wolfowitz US $ 75.000 per l’aiuto in Myanmar ,” ha riferito che:

Documenti trapelati mostrano che il fondatore di Apple Daily, Jimmy Lai Chee-ying ha pagato l’ex vice segretario alla Difesa americano Paul Wolfowitz US $ 75.000 per il suo aiuto con i progetti in Myanmar. 

Wolfowitz ha ricevuto il denaro da Lai come “compensazione per i servizi in materia di Myanmar”.

15385666631_ce65467461_z

La liaison di Lai con il famigerato Neo-Con Wolfowitz non dovrebbe essere una sorpresa – la NED e il vasto portfolio di Washington di agitatori politici in tutto il mondo è pieno di Neo-Cons che si intrecciano nell’amministrazione della NED, così come in vari altri settori – finanzieri e non dei vari think tank. La NED di per sé è solo una facciata, adagiandosi su interessi geopolitici e aziendali finanziano rivoluzioni dietro la scusa di “promuovere la libertà” e “democrazia” in tutto il mondo.

C’è anche il “leader studentesco” Joshua Wong,  che è stato arrestato  tra le proteste. Wong ha avuto la sua carriera monitorati dal progetto del NDI “NDItech” fin dal 2012 In un post intitolato, ” “Ad Hong Kong, il cambiamento inizia con un passo singolo ,” NDI riferisce:

Il fondatore del movimento, Joshua Wong Chi-fung, 15 anni, è diventato un’icona del movimento, e le sue interazioni abili con i media sono state immortalate e diffuse su Youtube. Attraverso questa pagina, Hong Kong e i giovani sono coalizzati intorno ai messaggi e le immagini da “lavaggio del cervello” e riecheggiando temi che ricordano il movimento pro-democrazia di piazza Tiananmen 1989.

Il lavoro di Wong serve per sfidare i tentativi da Pechino nel ristabilire le istituzioni cinesi sull’isola, conservando lo stile occidentale (cooptato) dalle istituzioni, compreso il sistema di istruzione.

Continua a leggere…

Tradotto da Fractions of Reality